La carbonitrurazione è un trattamento termochimico al quale viene sottoposto un prodotto ferroso portato alla temperatura generalmente compresa tra 800°C e 880° C, allo scopo di ottenere un arricchimento superficiale di carbonio e azoto. Questi elementi vengono quindi a trovarsi in soluzione solida nell’austenite.
Tale arricchimento è ottenuto mediante atmosfera controllata da endogas arricchita con metano ed ammoniaca anidra dissociata.
Il prodotto ferroso carbonitrurato subisce generalmente un indurimento mediante tempra a cui può seguire una distensione per ottenere la durezza superficiale desiderata ed eliminare le tensioni di tempra.
La carbonitrurazione viene principalmente applicata per ottenere uno strato duro e resistente all’usura. La diffusione di carbonio e azoto aumenta la temprabilità di acciai al carbonio e basso legati.
Il processo di Carbonitrurazione è particolarmente adatto per il trattamento in serie di piccoli componenti. Inoltre, la deformazione è contenuta grazie alla temperatura più bassa necessaria per la carbonitrurazione rispetto alla cementazione.
Questo trattamento è consigliato su particolari come ingranaggi, alberi, pistoni e rulli.